Viviamo assistendo continuamente a grandi scontri verbali in strada, nel parcheggio, negli uffici, al bar, per non parlare poi della tv, “la specialista” in materia.
Si vocifera che in televisione siano alcuni consulenti d’immagine a suggerire il conflitto, la zuffa per la vittoria dello share.
Noi abbiamo qualche dubbio su questa licenza data ai “gridatori-urloni”.
Erroneamente alcuni pensano che nella giungla dei messaggi quotidiani in cui siamo immersi,
sia tutto piatto, che ci sia l’assuefazione dovuta al “troppo”. Non riusciamo più a distinguere fra quello che è buono e cattivo, l’utile o il dilettevole.

Siamo come i piccoli quando gridano: “mamma voglio il gelato!”, o il “tutto e subito” degli adolescenti.
Siamo anche noi adulti “eterni bambini”: gridiamo e sbattiamo i piedi per farci sentire più forte e più forti ad ogni occasione che si presenti.

Alziamo il volume della nostra voce sempre più, ma così non otteniamo l’effetto di essere ascoltati, solo quello di non essere considerati. Gli altri, hanno la conferma di aver fatto bene a lasciarci fuori dalla porta, ad escluderci, dalla società reale.
Anche on line è la stessa cosa. Alziamo i toni, diventiamo sempre più aggressivi, offendiamo apertamente solo per stupire a tutti i costi.
Facendo marketing sfrenato anche molte Aziende urlano più del dovuto. Pensate ai popup che perseverano sui siti web, non ottengono nella maniera più assoluta gli effetti sperati. Potremmo affermare, e non siamo i soli, che le tecniche di vendita veloci e aggressive infondono la sensazione e raccontano che al contrario di quanto si voglia comunicare, si potrebbe avere un problema di reputazione od economico.
“Non vince chi grida di più, ma chi sa sussurrare”
Urlare è passato di moda. Questa sarà la fine di alcuni Social, che ormai già scricchiolano dalle fondamenta.
La medicina? Informazioni corrette al pubblico di riferimento, studiato e scelto. Mail utili, sincere, perché raccontano il vero. Rispondere solo dopo aver ascoltato attentamente. Lo diciamo e lo ripetiamo ad ogni occasione: il marketing è questo. Solo così ascolteranno con più attenzione quello che avete da dire.





SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL!